ANGELO PASTORE DIRETTORE
MARCO SCIACCALUGA CONDIRETTORE
ANGELO PASTORE DIRETTORE
MARCO SCIACCALUGA CONDIRETTORE
» alla CORTE
» al DUSE
Storia

Una parte significativa della storia del Teatro Stabile di Genova è costituita dal lavoro di formazione di giovani attori.
Già a partire dagli anni ’60 il Teatro si dotava di una Scuola d’Arte Drammatica che sviluppava la propria strategia didattica attraverso le esperienze di vari registi fra cui Anna Laura Messeri, Mina Mezzadri, Carlo Cecchi, Egisto Marcucci e Marcello Bartoli.

Fruendo delle esperienze maturate, nel 1981 la Scuola ha trovato una stabile struttura didattica e organizzativa sotto l’egida della Regione Liguria e della Provincia di Genova, costituendosi come Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova. Come tale, rientra nei Corsi di Formazione Professionale e attinge al pubblico finanziamento costituito dal Fondo Sociale Europeo (FSE).
Sempre articolata su tre anni, dal 1999 , in seguito a nuove disposizioni provinciali, il corso muta struttura interna e integra la sovvenzione con un contributo a carico dello stesso Teatro Stabile di Genova.

Suoi direttori, Carlo Repetti fino al 1998 (con un intervallo fra il 1990 e il 1993 in cui è stato direttore Marco Sciaccaluga), dal 1998 Anna Laura Messeri.

Parallelamente alle crescenti esigenze di un’operatività che l’ha posta in primo piano fra le scuole professionali di teatro in Italia, la Scuola ha avuto nel tempo sedi sempre più adeguate, finché nel 1992, col trasferimento dello Stabile nel complesso di Corte Lambruschini vi è approdata anch’essa, trovandosi così contigua agli uffici direttivi del Teatro e al palcoscenico della Corte.

Dal 2013 la Scuola di fregia del nome “Mariangela Melato” in segno di omaggio alla grande attrice, che negli ultimi vent’anni ha lavorato stabilmente con il Teatro di Genova.

Dal 1981 al 2014 la Scuola ha diplomato 275 allievi; fra quelli di più lunga data, si ricordano i registi Marco Sciaccaluga e Giorgio Gallione del Teatro dell’Archivolto di Genova; in seguito, fra altri nomi di livello nazionale si citano Tullio Solenghi, Elisabetta Pozzi, Enrico Campanati, Valerio Binasco, i Broncoviz, il duo Luca Bizzarri – Paolo Kessisoglu, Maurizio Lastrico e il drammaturgo Fausto Paravidino.
Sono moltissimi i diplomati della Scuola che, a livelli diversi di carriera e di funzioni lavorano stabilmente nel campo dello spettacolo in Italia; ricorrente la loro presenza nei casting teatrali, cinematografici e televisivi, spesso anche in ruoli di primo piano.
Notevole inoltre il consolidarsi di Compagnie autonome formate da ex-allievi:

Segnalata in ambito nazionale e internazionale, la Scuola ha partecipato con spettacoli, relazioni, tavole rotonde e seminari a numerosi incontri, rassegne e convegni. Si citano: “Prima del Teatro” dal 1985 al 1998; Taormina Arte nel 1991; Rassegna Scuole di Teatro a Città di Castello nel 1999 vincendo il 1° Premio con un suo spettacolo; Festival di Asti nel 1999; Riccione Teatro nel 2001, 2003 e 2004; XII Settimana di Teatro organizzata a Gargnano dalla Università di Milano, nel 2002; ECUME (Ecoles d’Art Dramatique de la Mediterranée) ogni anno a partire dal 2000 (da segnalare che nel dicembre 2007 ha organizzato proprio a Genova la VII edizione internazionale); Masterclass indetto dal Piccolo Teatro di Milano nel 2005 e 2008; Premio Nazionale delle Arti dal 2006 ad oggi (vincendo il primo premio nel 2006 e il 2° nel concorso europeo del 2009).

Per una Scuola nata come sezione di un Teatro Stabile, sono fisiologici i rapporti con il palcoscenico. Fin dall’allestimento dello spettacolo La donna serpente di Carlo Gozzi, regia di Egisto Marcucci (1979 – tournée internazionale a Mosca, Leningrado, Città del Messico, Amsterdam), il Teatro Stabile di Genova ha attinto per le sue produzioni ai diplomati della Scuola; così è stato per I due gemelli rivali di Farquhar con la partecipazione di Lina Volonghi e Re Cervo di Gozzi, per le regie di Marco Sciaccaluga (1982 e 1991). Il contributo delle nuove leve si è intensificato nel tempo, tanto che dalla metà degli anni Novanta, gli spettacoli destinati a un pubblico prevalentemente giovanile, sono stati realizzati da compagnie miste di allievi e professionisti diplomatisi alla scuola stessa. Oggi la Scuola fornisce al Teatro la quasi totalità della Compagnia Stabile.

Infine, per un’iniziative sorta negli ultimi tempi il Teatro Stabile affida ai suoi più recenti ex allievi la realizzazione di spettacoli facenti parte della Rassegna di Drammaturgia Contemporanea con cui ogni anno chiude la sua stagione teatrale. Per quelli appena diplomati questa occasione è una palestra che funge da cerniera tra la scuola e il mondo del lavoro.