ANGELO PASTORE DIRETTORE
MARCO SCIACCALUGA CONDIRETTORE
ANGELO PASTORE DIRETTORE
MARCO SCIACCALUGA CONDIRETTORE
Il coraggio di Adele

Giampiero Rappa
Duse
da mercoledì 10 dicembre
a domenica 14 dicembre
prenota »
acquista »
» alla CORTE
» al DUSE
Cartellone
2014/15
Prenotazioni
e acquisti
Video
Abbonamenti
produzione
Teatro Franco Parenti
in collaborazione con
Gloriababbi Teatro
regia
Giampiero Rappa
interpreti
Filippo Dini
Arianna Scommegna
scene e costumi
Barbara Bessi
musiche originali
Massimo Cordovani
Una storia d’amore, ambientata in una guerra qualsiasi, tra una giovane donna e un giovane uomo che non si sono mai incontrati prima, costretti a convivere per un breve periodo in una baracca, al freddo, in aperta campagna, in attesa che vengano sospesi i bombardamenti e arrivino gli alleati a salvare il Paese. Adele trova Lucas ferito e ammalato; decide di prendersi cura di lui. Rischiando ogni giorno la vita, va a prendere del cibo nel lontano casolare di un misterioso contadino. Nell’isolamento e nel pericolo di morte continuo, Eros e Thanatos per una coppia di Adamo e Eva dei nostri tempi: scontri, ricatti, sesso, promesse. I personaggi ora sono obbligati a fare i conti con il proprio presente e a fantasticare su un incerto futuro.
Noto anche al pubblico dello Stabile genovese per le sue opere precedenti ("Sogno d’amore", "Prenditi cura di me"), Giampiero Rappa (Genova, 1973) è il drammaturgo della compagnia Gloriababbi, da lui fondata nel 1997 con un gruppo di giovani anche loro provenienti dalla Scuola di Recitazione dello Stabile di Genova. Il primato dello sguardo – sia dell’autore, sia del regista – è ancora una volta rivolto al lavoro dell’attore: brevi scene, dialoghi serrati, silenzi, sguardi; la tragicità del testo si confonde con la sottile ironia dei due protagonisti che si cercano ma non si trovano, a pochi metri di distanza. "Il coraggio di Adele" è una metafora del rapporto tra universo femminile e maschile. Una commedia che alterna un ritmo incalzante a momenti di inattesa sospensione, la tragicità della situazione a battute di sprezzante ironia. «Un uomo e una donna. Lucas e Adele. Trasformati in una involontaria coppia dalla loro forzata intimità. Nella scena disegnata da Barbara Bessi li vediamo isolati su una pedana, come sospesa nel nulla. Sembrano così fluttuare su una sorta di zattera, come in attesa di essere salvati. In realtà nessuno potrà salvarli se non se stessi. All’esterno, una guerra che diventa sempre meno importante mano a mano che i due si conoscono, si spiano, prendono le misure. Ma il loro “rapporto d’amore” non è destinato a diventare maturo. Lucas non sa ascoltare né ascoltarsi: parla spesso d’amore, ma le sue azioni nella pratica appaiono quelle di un uomo immaturo che non sa amare. Adele ha dalla sua una forte consapevolezza di sé e delle sue emozioni, sa riconoscere e contestualizzare la storia che sta vivendo. E proprio questa forza le permetterà di mettersi in gioco e di dare una nuova svolta alla sua vita». Giampiero Rappa DURATA DELLO SPETTACOLO: h.1.10
prenota »
acquista »