ANGELO PASTORE DIRETTORE
MARCO SCIACCALUGA CONDIRETTORE
ANGELO PASTORE DIRETTORE
MARCO SCIACCALUGA CONDIRETTORE
» alla CORTE
» al DUSE
Premi

RICONOSCIMENTI OTTENUTI DAL TEATRO STABILE DI GENOVA:

  • PREMIO IDI 1957, per la migliore interpretazione italiana, a Enrico Maria Salerno, come protagonista de Il diavolo Peter”di Salvato Cappelli (ax-equo con Vittorio Gassman e Tino Carraro);
  • PREMIO SAN GENESIO 1957, per la migliore scenografia, a Gianni Polidori, come scenografo de I demoni di Diego Fabbri da Dostoevskij;
  • PREMIO SAN GENESIO 1960, per la migliore interpretazione, a Vittorio Sanipoli, come protagonista de Il revisore di Nikolaj Gogol’;
  • PREMIO PALERMO 1961, a Ivo Chiesa, come migliore animatore;
  • PREMIO SAN GENESIO 1961, a Luigi Squarzina, per la migliore regia, come regista di Uomo e superuomo di George Bernard Shaw;
  • PREMIO NOCE D’ORO 1961, a Paola Mannoni, per l’interpretazione della Contessa ne Il matrimonio di Figaro di Beaumarchais;
  • PREMIO PLEIADI D’ORO 1961, C.M. Rietmann per La Grande Speranza di Carlo Marcello Rietmann;
  • PREMIO INTERNAZIONALE PIRANDELLO, al Teatro Stabile di Genova, per il migliore spettacolo pirandelliano della stagione 1961/62;
  • PREMIO SAN GENESIO 1962, a Luigi Squarzina, per la migliore regia, come regista di Ciascuno a suo modo di Luigi Pirandello;
  • PREMIO PALERMO 1963, ad Alberto Lionello, per la migliore interpretazione dell’anno, come protagonista de Il diavolo e il buon Dio di Jean-Paul Sartre;
  • PREMIO NETTUNO D’ORO 1963, ad Alberto Lionello, per l’interpretazione de I due gemelli veneziani di Carlo Goldoni;
  • FRONDA D’ORO 1963, a Ivo Chiesa, per i consensi nazionali e stranieri al Teatro Stabile di Genova;
  • ANFORA D’ORO 1963, ad Alberto Lionello, per la migliore interpretazione dell’anno, come protagonista de Il diavolo e il buon Dio di Jean-Paul Sartre;
  • PREMIO SAN GENESIO 1963, ad Alberto Lionello, per la migliore interpretazione dell’anno ne Il diavolo e il buon Dio di Jean-Paul Sartre;
  • PREMIO SANTA APOLLONIA 1963, a Luigi Squarzina, per la regia de I due gemelli veneziani di Carlo Goldoni;
  • PREMIO CHALLENGE 1964, al Teatro Stabile di Genova, per il migliore spettacolo presentato al Festival des Nations di Parigi per I due gemelli veneziani di Carlo Goldoni, ex-aequo con la Compagnia Proclemer-Albertazzi;
  • PREMIO CARAVELLA D’ORO 1964, al Teatro Stabile di Genova, come uno dei maggiori esponenti del mondo dello spettacolo;
  • PREMIO GALLO RAMPANTE 1964, ad Alberto Lionello;
  • PREMIO SAN GENESIO 1967 per la migliore interpretazione di un attore non protagonista a Eros Pagni nella parte di Enrico in Il drago di Evgenij Schwarz;
  • CHIOCCIOLA D’ARGENTO 1977, a Ferruccio De Ceresa;
  • ANFORA OLEARIA 1980, al Teatro Stabile di Genova, per La bocca del lupo Arnaldo Bagnasco, Lucia Bruni, e Giuseppe D’Agata da Remigio Zena;
  • PREMIO IDI 1980, a Lina Volonghi, per la migliore interpretazione femminile italiana della stagione1979/80, come protagonista de La bocca del lupo di Arnaldo Bagnasco, Lucia Bruni, e Giuseppe D’Agata da Remigio Zena;
  • Segnalazione Premio UBU 1982/83 per la stagione dedicata a Kleist;
  • BIGLIETTO D’ORO AGIS 1984/85, al Teatro Duse per il miglior indice di fruizione dei posti in relazione alla capienza della sala;
  • BIGLIETTO D’ORO AGIS 1985/86, al Teatro Duse per il miglior indice di fruizione dei posti in relazione alla capienza della sala;
  • BIGLIETTO D’ORO AGIS 1986/87, al Teatro Duse e al Teatro Genovese per il miglior indice di fruizione dei posti in relazione alla capienza della sala;
  • BIGLIETTO D’ORO AGIS 1987/88, al Teatro Duse per il miglior indice di fruizione dei posti in relazione alla capienza della sala;
  • BIGLIETTO D’ORO AGIS 1987/88, per La scuola delle mogli di Molière e L’egoista di Carlo Bertolazzi;
  • PREMIO IDI 1988 per la regia di Inverni di Carlo Repetti da Silvio D’Arzo;
  • PREMIO TAORMINA ARTE 1989 a Giuseppe Manfridi per la migliore novità e a Piero Maccarinelli, Massimo De Rossi, Elisabetta Pozzi e Massimo Venturiello per il loro lavoro (Giacomo, il prepotente);
  • PREMIO FLAIANO a Elisabetta Pozzi per la sua interpretazione di Paolina Leopardi (Giacomo, il prepotente di Giuseppe Manfridi)
  • PREMIO CASERTA a Antonella Schirò per la sua interpretazione di Lucella (Giacomo, il prepotente di Giuseppe Manfridi);
  • PREMIO IDI a Giuseppe Manfridi per la novità italiana (Giacomo, il prepotente);
  • PREMIO UBU a Elisabetta Pozzi quale migliore attrice per la stagione 1988/89 in Giacomo, il prepotente di Giuseppe Manfridi;
  • PREMIO UBU a Elisabetta Pozzi quale migliore attrice per la stagione 1988/89 in Arden di Faversham di anonimo elisabettiano;
  • BIGLIETTO D’ORO AGIS 1988/89 per Inverni di Carlo Repetti da Silvio D’Arzo;
  • PREMIO SCIACCA 1989, a Ugo Maria Morosi;
  • PREMIO UBU a Elisabetta Pozzi quale migliore attrice per la stagione 1990/91 in I serpenti della pioggia di Per Olov Enquist;
  • PREMIO UBU a Mariangela Melato quale migliore attrice per la stagione 1993/94 in L’affare Makropulos di Karel Capek;
  • PREMIO UBU a Mariangela Melato quale migliore attrice per la stagione 1993/94 in Un tram che si chiama desiderio di Tennessee Williams;
  • BIGLIETTO D’ORO AGIS 1993/94 – PREMIO SPECIALE BANCA DI ROMA, per L’affare Makropulos di Karel Capek;
  • PREMIO UBU a Elisabetta Pozzi quale migliore attrice per la stagione 1996/97 in Il lutto si addice ad Elettra di Eugene O’Neill;
  • PREMIO ELEONORA DUSE 1999 a Mariangela Melato per Fedra di Racine;
  • PREMIO UBU 2002 a Mariangela Melato quale miglior attrice per Quel che sapeva Maisie di Henry James;
  • PREMIO HYSTRIO ALLA VOCAZIONE 2002 a Pietro Tammaro;
  • PREMIO OLIMPICI 2003 a Gabriele Lavia per La storia immortale”di Gabriele Lavia da Karen Blixen e Un nemico del popolo di Arthur Miller da Henrik Ibsen quale miglior attore protagonista;
  • PREMIO OLIMPICI 2003 a Eros Pagni per Un nemico del popolo di Arthur Miller da Henrik Ibsen e L’ispettore generale di Nikolaj Gogol’ quale miglior attore non protagonista;
  • PREMIO OLIMPICI 2003 a Giuliana Lojodice per Quel che sapeva Maisie di Henry James quale miglior attrice non protagonista;
  • PREMIO OLIMPICI 2003 a Jurij Ferrini per Filottete di Heiner Müller e L’ispettore generale di Nikolaj Gogol’ quale miglior attore emergente;
  • PREMIO HYSTRIO ALLA VOCAZIONE 2004 a Fabrizio Matteini;
  • PREMIO OLIMPICI 2005 a Mariangela Melato per Chi ha paura di Virginia Woolf? di Edward Albee e La centaura di Giovan Battista Andreini quale miglior attrice protagonista;
  • PREMIO OLIMPICI 2005 a Margherita Palli per La centaura di Giovan Battista Andreini quale miglior scenografa;
  • PREMIO OLIMPICI 2005 a Gabriele Mayer per La centaura di Giovan Battitsta Andreini quale miglior costumista;
  • PREMIO PITAGORA 2005 a Galois di Luca Viganò, come miglior evento multimediale per la divulgazione della matematica;
  • PREMIO OLIMPICI 2006 a Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller quale miglior spettacolo di prosa;
  • PREMIO OLIMPICI 2006 a Eros Pagni per Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller quale miglior attore protagonista;
  • PREMIO OLIMPICI 2006 a Ugo Maria Morosi per Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller quale miglior attore non protagonista;
  • PREMIO OLIMPICI 2006 a Sara Bertelà per L’illusione comica di Pierre Corneille quale miglior attrice non protagonista;
  • PREMIO OLIMPICI 2006 a Marco Sciaccaluga per Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller quale miglior regista;
  • PREMIO UBU 2006 a La chiusa di Conor McPherson quale miglior novità straniera;
  • PREMIO RENATO SIMONI 2006 alla carriera a Eros Pagni;
  • PREMIO ASSOCIAZIONE NAZIONALE CRITICI TEATRO 2006 a Eros Pagni quale miglior attore nella stagione per l’interpretazione di Willy Loman in Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller;
  • PREMIO ASSOCIAZIONE NAZIONALE CRITICI TEATRO 2006 a La chiusa di Conor McPherson quale miglior spettacolo dell’anno;
  • PREMIO HYSTRIO ALLA VOCAZIONE 2006 a Alice Arcuri;
  • PREMIO HYSTRIO ALLA VOCAZIONE 2006 a Fabrizio Careddu;
  • PREMIO HYSTRIO ALLA VOCAZIONE 2007 a Jacopo Maria Bicocchi;
  • PREMIO OLIMPICI 2008 a Franca Squarciapino per La famiglia dell’antiquario di Carlo Goldoni quale miglior costumista;
  • PREMIO OLIMPICI 2008 a Antonio Di Pofi per La famiglia dell’antiquario di Carlo Goldoni quale miglior autore di musiche;
  • PREMIO LE MASCHERE DEL TEATRO ITALIANO 2011 a Ugo Pagliai per Aspettando Godot di Samuel Beckett quale miglior attore protagonista;
  • PREMIO LE MASCHERE DEL TEATRO ITALIANO 2011 a Mariangela Melatto per Nora alla prova di Henrik Ibsen quale miglior attrice protagonista;
  • PREMIO UBU 2011 a Mariangela Melato quale miglior attrice per Nora alla prova di Henrik Ibsen;
  • PREMIO LE MASCHERE DEL TEATRO ITALIANO 2013 – PREMIO SPECIALE DEL PRESIDENTE a Eros Pagni.